Visualizzazioni totali

lunedì 24 marzo 2014

MARCHE, IN ARRIVO CENTRO COMMERCIALE TRA I PIU' GRANDI D'ITALIA. FUCKSIA (M5S): "NO A SPECULAZIONI A DANNO DEI CITTADINI"

Il prossimo 3 aprile a Civitanova Marche, in provincia di Macerata, verrà inaugurato il Centro commerciale "Adriatico", il secondo più grande del centro-Italia con oltre 27 mila mq di estensione.
La ditta lottizzante è la Civita Park S.r.l., che a Civitanova sta anche realizzando le opere pubbliche della Fiera e del Palazzetto dello sport. Una lottizzazione che - si è scoperto - è stata concessa e portata avanti senza le fidejussione milionarie necessarie a garantire le opere pubbliche previste a carico dei lottizzanti e che costituivano il "beneficio" dei cittadini che hanno visto lottizzare un'area agricola di oltre 100 mila mq. In particolare gli investigatori delle Fiamme Gialle di Macerata specializzati in antiriciclaggio hanno ricostruito l'intera "filiera" di un'attività truffaldina posta in essere, fin dal 2009, da due società di intermediazione finanziaria di Napoli e di Roma che, aggirando le norme del Testo Unico Bancario, avevano posto in essere una mega truffa da 51 milioni di euro nei confronti del Comune di Civitanova Marche, attraverso la promozione e la stipula con alcune imprese edili di circa 40 polizze fideiussorie false o prive di reale copertura patrimoniale.
Ma c'è di più. L'Amministrazione comunale di Civitanova ha inteso finanziare la Civita Park per una cifra il cui ammontare eccede la soglia di valore comunitaria. Pertanto l'Amministrazione è obbligata ai sensi del Codice delle leggi antimafia a richiedere ed allegare agli atti l'informativa antimafia sugli organi societari delle società finanziate, a maggior ragione se ci sono state delle variazioni societarie. Ebbene, a poco tempo dalla presunta prossima apertura, alla richiesta del MoVimento 5 Stelle di Civitanova Marche relativa a tale documentazione, la risposta è stata che sono in corso di acquisizione (SIC!).
Non basta. Lo scorso 13 marzo la Guardia di Finanza ha effettuato una serie di perquisizioni in società riconducibili direttamente o indirettamente a Maura Mattucci, il presidente della Civita Park. I reati ipotizzati sono di tipo tributario, societario e fallimentare: false fatturazioni, dichiarazioni infedeli e omesso versamento delle imposte. L'inchiesta, coordinata dalla Procura della Repubblica di Pescara, svela che sono circa quaranta gli indagati, tra cui lo stesso Mauro Mattucci e il figlio Marco. Gli altri indagati sono per la maggior parte dei legali rappresentanti delle società direttamente o indirettamente riconducibili al gruppo.
False fideiussioni, assenza dell'informativa antimafia, indagini per reati tributari: sono molte le ombre che si stagliano su una delle più grandi opere delle Marche e dell'intero centro-Italia.
Se da un lato il centro commerciale (privato) è pronto per essere inaugurato, dall'altro intorno ci sono scheletri di edifici ed opere da terminare, ma nessuna garanzia è in mano al Comune se le opere pubbliche per un qualche motivo - sempre più concreto - non dovessero essere concluse.
Il MoVimento 5 Stelle intende vederci chiaro sull'intera faccenda: la cittadina portavoce al Senato Serenella Fucksia ha presentato una interrogazione parlamentare sulla caso Civita Park. Per evitare l'ennesima speculazione, che porterebbe i cittadini a pagare di tasca propria nel caso che le opere previste non venissero realizzate per colpa del comportamento illegale tenuto.

Fonte: Movimento/Parlamento

venerdì 20 dicembre 2013

Pranzo di Natale? 12 portate in una scatoletta

 Il designer Chris Godfrey ha ideato una lattina che contiene un intero pasto di 12 portate schiacciate al suo interno: antipasti, primi, secondi e dolci si possono distinguere dal colore dello strato. La soluzione ideale per chi vorrebbe preparare per Natale o capodanno un sontuoso pasto per sé e per gli ospiti, ma non ha voglia di occuparsi dei preparativi né della pulizia successiva.

image

 

Godfrey spiega che la sua idea (battezzata “All in One”) è nata per consentire alla persona media di mangiare in modo divino senza doversi poi preoccupare di lavare i piatti. È da vedere se questo vantaggio compensi il fatto di mangiare da una lattina, che non ci sembra esattamente la stessa cosa: probabilmente l’idea finirà con il rimanere tale, e non arriverà nei piatti, anche se potrebbe dare spunto per una nuova generazione di lattine “multigusto”.

Le 12 portate in lattina sono queste:

  • Selezione di formaggi locali con pane a lievitazione naturale
  • Manzo di Kobe sottaceto con fragole scottate
  • Ravioli di ricotta con tuorlo d’uovo
  • Funghi Shitake con peperoni ripieni
  • Carne di Halibut affogata in burro di tartufo in crepe di cocco
  • Risotto all’aglio selvatico, prosciutto e parmigiano
  • Zuppa francese di cipolle, con timo e gruviera
  • Pancetta arrosto con purè di sedano rapa
  • Succo di pera e zenzero
  • Lombata di manzo con verdura grigliata e mostarda
  • Torta con gelato e biscotto di vaniglia
  • Dolce Canelé con orzo e latte di noccioline

Fonte: notizie.delmondo.info

martedì 10 dicembre 2013

Renzi 'Rottame Team': la filo Pdl, il raccatta voti e la demitiana...

buono-brutto-ok.png

 

Ecco a voi il "Rottame team" di Renzi, il camaleontismo che avanza.
Dopo
essersi recato ad Arcore da Berlusconi nel 2011 ed aver ricevuto appena eletto i complimenti del condannato ("Ti avevo capito quella volta ad Arcore"), Matteo Renzi ha lanciato la sua mirabolante squadra.

Tra questi la responsabile Lavoro Marianna Madia, alla seconda legislatura. Era tra i parlamentari del PDmenoelle che non si presentò a votare contro lo scudo fiscale di Tremonti. Il 28 agosto di quest'anno dichiarava "Meglio votare Pdl che Grillo", aggiungendo "i grillini non sono fascisti, ma violenti".

Violenti? La filo berlusconiana Madia può citare un solo atto di violenza compiuto in questi anni dal Movimento 5 Stelle o dai Meet Up? Zero assoluto.

Andreottianamente innovativa la scelta per il Welfare, con il palermitano rampante Davide Faraone il quale, durante le regionali 2008 in Sicilia mentre raccatava voti a Palermo ha incontrato persone poi condannate per mafia.

Chissà cosa ne pensa di questi incontri palermitani la già seguace di Ciriaco De Mita Pina Picierno, neo responsabile legalità del Pdmenoelle. Appena eletta nel 2008 dichiarò "De Mita è il mio mito" tanto che su di lui fece la tesi di laurea.
La Picierno nell'ultimo anno si è piegata al "lato oscuro della forza". Il 16 novembre 2012 in piene primarie si schierava per Bersani contro Renzi con queste parole:
"Se perdiamo primarie il partito non tocchi i rottamatori dice Renzi. E per chi ci ha preso per renziani?!". Un anno dopo, l'8 dicembre 2013 scriveva su twitter: "votare oggi Renzi significa far #cambiareverso anche a Saturno e al lato oscuro della forza, perciò datemi una mano..."
Non ci credete? Guardate qua sotto:

picierno-facebook-ok.jpg

 

Convertita anche Deborah Serracchiani, neo responsabile Infrastrutture (favorevole al TAV in Val Susa) il 7 settembre 2012 dichiarava: "Renzi dovrebbe restare a fare il sindaco di Firenze. Se fosse in lui mi sarei

presa un pò più di tempo perchè magari i fiorentini vogliono un sindaco che magari resti a lungo".

Ma non è finita qui. Appena nominata responsabile della Giustizia Alessia Morani ospite di La7 ha nuovamente difeso il ministro Cancellieri dalla bufera per le sue amicizie con la famiglia Ligresti. "Il nuovo Pd non riaprirà il caso" ha dichiarato solennemente la Morani (potete ascoltare l'audio integrale QUI:Morani su Cancellieri - audio.mp3).

Ma Renzi non doveva mandare a casa la Cancellieri? Il 21 novembre 2013 dichiarò Renzi: "Il vecchio Pd l'ha difesa, il nuovo no"....

A futura memoria qualche voto in Parlamento da parte dei responsabili del Rottame team renziano. Solo per citarne alcuni come Davide Faraone, Maria Elena Boschi, Marianna Madia, Chiara Braga, Pina Picerno, Alessia Morani hanno votato a favore del progetto TAV in Val Susa e della proroga delle missioni di guerra e contro la mozione di sfiducia al ministro Cancellieri.

Questi i fatti. Tutto il resto è marketing di vecchia berlusconiana memoria, con i mass media proni a incensare il "camaleonte che avanza".

P.S.: Ai solerti benpensanti, segnaliamo inoltre gli insulti rivolti ai giornalisti ostili a Renzi, da parte del neo responsabile comunicazione del PD Nicodemo. Guardate QUI una raccolta dei suoi insulti. Ora ci attendiamo la stessa levata di scudi "democratica" riservata a Grillo ed il M5S da parte di Enrico Letta, Matteo Renzi, la presidente della Camera Boldrini ecc ecc…

 

Fonte: MoVimento5stelle

lunedì 18 novembre 2013

Cancellieri non indagata. Atti da Torino a Roma

 

A Torino vertice in Procura fra i Pm ed il procuratore capo Caselli sul caso Cancellieri: aperto un nuovo fascicolo per approfondimenti, senza indagati, e inviato a Roma per competenza territoriale. Il ministro della Giustizia, dunque, non è indagato per la vicenda Ligresti. Una fonte del governo intanto riferisce tuttavia al Financial Times che la Guardasigilli potrebbe dimettersi prima del voto sulla mozione di sfiducia di mercoledì in Parlamento. Da Palazzo Chigi si ribadisce invece fiducia al ministro. In casa Pd l'assemblea dei parlamentari deciderà domani l'atteggiamento da seguire, ma Civati insiste: 'Serve chiarezza'. Grillo chiede l'impeachment di Napolitano.

La posizione del governo non cambia ed è di fiducia nel ministro Cancellieri. E' quanto ribadiscono fonti di P. Chigi che interrogate sull'eventualità di nuovi accadimenti rispondono: "In tal caso si valuterà con attenzione".

''Abbiamo già dato il nostro sostegno al ministro Cancellieri e lo ribadiamo, confortati anche dalle notizie odierne'': lo ha detto il leader Ncd Angelino Alfano al termine di una conferenza stampa in regione Lombardia con Roberto Maroni e il ministro Maurizio Lupi.
Sul caso Cancellieri "nessun soggetto è stato iscritto nel registro degli indagati" dalla Procura di Torino, che ha invece "formato un fascicolo modello K di atti relativi a fatti nei quali non si ravvisano reati allo stato degli atti, ma che possono richiedere approfondimenti": lo ha precisato il procuratore capo di Torino, Giancarlo Caselli. Il fascicolo modello K aperto oggi dalla Procura di Torino "sarà trasferito alla Procura di Roma in quanto territorialmente competente", ha spiegato in una nota il procuratore Caselli.

Napolitano che conferma la fiducia a Cancellieri è una ulteriore "picconata" alla Costituzione e "un'ulteriore riprova della necessità di mettere in stato di accusa il Presidente della Repubblica". E' quanto scrive il prof. Paolo Becchi in un lungo post ospitato dal sito di Beppe Grillo con il titolo "La Cancellieri e lo scudo di Napolitano".
Il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri potrebbe dimettersi prima del voto sulla mozione di sfiducia di mercoledì in Parlamento, aveva riferito una fonte del governo italiano al Financial Times.
"La Cancellieri non ha fatto nulla di scorretto, semmai è illegale la pubblicazione dei tabulati di telefonate private tra lei e altre persone non indagate. Tuttavia è evidente che c'è un problema delicato che la procura di Torino ha il dovere di chiarire al più presto. Se riterranno atto dovuto mettere sotto accusa il ministro della Giustizia, si crea un problema di opportunità. Questa novità cambierebbe lo scenario e richiederebbe al ministro Cancellieri un atto di responsabilità". Così Massimo D'Alema ad Agorà.
Se Enrico Letta "mollerà" il ministro Cancellieri farà ritornare l'Italia ai tempi di "mani pulite". Così Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia. "In relazione alla vicenda del ministro Cancellieri il presidente del Consiglio, Enrico Letta, deve decidere: o si assume l'intero onere della difesa del suo ministro della Giustizia, oppure sceglie di mollarlo al suo destino in ragione dell'iniziativa di qualche Procura della Repubblica. In questo secondo caso condannerebbe l'Italia a tornare indietro di 22 anni, quando furono le Procure a decidere chi aveva diritto di governare e chi no", conclude.
''Alcune telefonate del ministro Cancellieri sono state inopportune''. Lo ha detto Mario Monti intervistato da ''Omnibus'' (La 7). ''Stimo moltissimo il ministro - ha aggiunto l'ex premier - anche per il fatto che ha difeso fino in fondo la razionalizzazione della geografia dei tribunali nell'interesse degli italiani. Su questo fronte ha tenuto testa a a molte pressioni. Non ha nulla a che fare con Scelta Civica, l'abbiamo appoggiata e Scelta perchè persona indipendente''. ''Come voterò sulla mozione di sfiducia a Cancellieri? Sarà a scrutinio palese e sarà possibile vedere come tutti voteranno''. L'ex premier ha poi criticato un certa insistenza dell'informazione televisiva: ''Bisogna ridimensionare il ruolo istituzionale che la tv ha in modo strisciante. C'è il Parlamento e tra questi due ruoli non bisogna fare confusione''.

Fonte: Ansa

ARTICOLI CORRELATI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

V I D E O

Loading...

BANNER FANS

BannerFans.com